Il Picchio

Palco A: Mar 25/06 ore 23,30 Gio 27/06 ore 22,00 Ven 28/06 ore 20,30

di Pietro Di Francesco e Marco Ghidellicon Alessandra Mirra e Renato Avallone
scene di Gino Di Francesco
costumi di Carla Ghidelli
trucco di Isabella Solenne
datore luci Pasquale Papa
consulenza tecnica Agostino Ferraiolo
organizzazione Massimo Viggiano

“Tableau revenant” è un libero adattamento di “Spettri”, capolavoro drammaturgico di Henrik Ibsen.
L’opera originale, composta nel 1881, narra le vicende di Helene Alving, madre costretta fin da giovane ad una vita fatta di menzogne. Sposatasi per denaro, cela al mondo la corruzione del marito. Una volta vedova, raccoglierà insieme al figlio Osvald, affetto da una malattia ereditaria, i frutti della sua degenerazione.

Oltre un secolo dopo, le figure di Helene ed Osvald ritornano nel perimetro teatrale, gravitando intorno a ciò che resta di un salotto borghese: un tavolo nero, ultimo residuo di civiltà con cui fare i conti. Le loro sono presenze spettrali, senza requie, insidiate da un altro spettro, quello del marito e padre, cui sono congiunte da un legame di verità inconfessabili. Sarà proprio quest’ombra, nera come il tavolo che incombe al centro della scena, a porre quegli interrogativi cruciali per le loro coscienze.

Questa rilettura del dramma ibseniano vuole rappresentare la messa a fuoco di uno snodo cruciale, senza tempo. Uno snodo che sancisce la fine di un ciclo familiare, in bilico tra il continuare a ripercorrersi e l’uscire dal sentiero tracciato. E, nello stesso tempo, ne segna un nuovo, ennesimo inizio.