Claudia Gusmano

mozza

Mozza

SINOSSI

C’è una giovane donna in mare sulla prua di un peschereccio, è lì da tempo e per scelta. Una generazione di marinai la sua, di uomini che hanno visto tutte le albe e tutti i tramonti del loro mondo. La sua infanzia è trascorsa mano nella mano con il nonno, unico vero uomo di mare della sua famiglia. Lui, a differenza degli altri, il mare “ce l’aveva dentro” perché lo aveva bevuto tutto durante la sua vita e lo aveva conservato con orgoglio, goccia dopo goccia, nel suo stomaco abbastanza largo da poterlo contenere. Un dialogo che profuma di salsedine e tenerezza che la porterà ad una scelta: essere Dio a metà o per intero?

QUANDO
PALCO C 29/8 ore 21.20 – 31/8 ore 23.10 – PALCO A 2/9 ore 22.15

REGISTA

Claudia Gusmano

AUTORE
Claudia Gusmano

CAST
Claudia Gusmano

ESTRATTI DA RECENSIONI
“Sulla scena Claudia indossa gli abiti da lavoro del padre e il peschereccio su cui naviga Mozza si chiama Briglia d’oro, come la barca di suo nonno e come il cavallo di Orlando.L’intera storia si svolge sul ponte di una piccola nave che contiene tutta la vita di Mozza, la protegge e la culla, ma si tratta di una barca senza timone, in balia del vento di sopra e del vento di sottoÓ. PerchŽ Mozza in realtˆ, mentre contempla il cielo e il mare, osserva la propria vita e cerca la sua rotta: la propria libertˆ in uno spazio sconfinato. Claudia Gusmano interpreta con trasporto e passione uno spettacolo che coinvolge con un ritmo piacevole. Sebbene sola riesce ad interagire con tutti gli elementi della scena facendoli percepire allo spettatore come reali e concreti. La sua energia riempie il palco e conquista la platea” Scelgonews.it 12 Marzo 2016 articolo di Vania Amitrano Mozza ha la forza narrativa de “Il vecchio e il mare” in chiave femminile, coinvolge per la determinazione come il capitano Achab e affascina per la sensibilitˆ come il naufrago di Castway.Claudia Gusmano firma un testo emozionante, intenso, e in parte auto biografica, dimostrandosi anche una brillante e creativa autrice.ÒMozzaÓ scalda il cuore avvolgendoti con le belle e toccanti musiche proiettando lo spettatore per quarantacinque minuti nel piccolo grande mondo di Mozza e spingendolo a voler prendere anchÕegli una barca per fuggire dall’opprimente terra ferma.” Nuoveedizionibohemien.it 12 Marzo 2016 articolo di Vittorio De Agr˜

https://www.youtube.com/watch?v=zvk2guv3S4k